Ti aiuta a trovare lavoro

Articoli nella categoria Come trovare lavoro

Il Curriculum va scritto per chi non ci conosce: 3 regole fondamentali da usare subito!

curriculum

Affrontiamo oggi una tematica così banale e logica che a volte viene non considerata da chi curriculumsi accinge a scrivere il proprio Curriculum: il curriculum va scritto tenendo conto che chi lo leggerà non conosce nulla di noi e del nostro percorso.

Se tutti noi davanti al bianco foglio di WORD o al modello pre-impostato da compilare (guai a voi se è il formato Europass!! 🙂 ) , con i contenuti del nostro percorso accademico e professionale, tenessimo conto di questo dettaglio, scriveremmo dei CV molto più efficaci e chiari per chi li va a leggere.

L’occhio esterno e scevro di ogni nozione sul percorso finora intrapreso da un candidato porta il Selezionatore del personale a leggere ed interpretare il documento mediante i suoi filtri e le sue strategie di screening, quindi è fondamentale che un Curriculum tenga conto di alcune semplici regole.

Nel corso dei nostri anni nel mondo della Selezione ed oltre tre a revisionare i vostri CV, abbiamo notato come seguire queste 3 regole auree rende il Curriculum più leggibile ed apprezzato dai Selezionatori. Eccole qui:

  1. ESSERE LINEARI E CHIARI: sembra assurdo, ma quando analizziamo i vostri CV o li selezioniamo per qualche azienda committente, notiamo sempre che mancano informazioni rilevanti, sono confusionari, con passaggi di carriera non definiti e con tante informazioni date per scontate. Facciamo un esempio: avete fatto più cambi interni nella stessa azienda, ma non avete riportato che taleCurriculum aspetto ha interessato più sedi. Quindi, in anagrafica, avete magari un domicilio differente da una residenza e nella lettera avete sottolineato quanto vogliate tornare in una data città. Se specificate affianco alla descrizione delle diverse esperienze anche la location, il Selezionatore che legge il doppio indirizzo in anagrafica sul Curriculum e poi sulla Lettera la vostra voglia di cambio residenza, capirà velocemente il vostro excursus e comprenderà che il vostro candidarvi per una posizione in una città che attualmente non è la vostra, ha delle motivazioni di cambiamento ben radicate e non che voi vi state candidando ‘a pioggia’ per qualunque posizione disponibile
  2. ESSERE COMPLETI, NON DARE NULLA PER SCONTATO: sono davvero innumerevoli i CV che ci giungono senza Email, senza data di nascita (a volte per una assurda strategia che non paga) oppure che riportano magari gli Hobbies ma non il corso di laurea completo o alcun dettaglio delle mansioni/attività svolte nel corso delle diverse esperienze professionali. Facciamo anche qui un esempio. Se decidete di non essere prolissi nella descrizione delle vostre attività e mansioni, è più corretto scegliere con cura le parole-chiave che vanno a descriverle piuttosto che eliminare le attività di routine/base che comunque il vostro ruolo prevede. Perché per voi è ovvio che se vi occupate di controllo di gestione sapete fare Budgeting e Forecasting, ma se il vostro Curriculum viene ‘screenato’ da un Software di recruiting e tra i criteri chiave c’è il fatto che si sappia fare Budgeting e Forecasting, state certi che verrete scartati, se non li avete riportati. Questo avviene anche se la selezione viene effettuata ‘a mano’ da un recruiter . Infatti, lui non dà per scontato che voi sappiate fare delle attività se non le riportate, per lui fa fede quello che voi avete descritto come ‘attività’ che sapete fare. Quindi, secondo voi, un Selezionatore chiamerà per un Colloquio chi ha descritto in modo completo ed esaustivo le proprie mansioni o chi ha elencato solo quelle più particolari del suo ruolo?!
  3. DESCRIVERE I CONTENUTI COME SE PARLASSIMO DI UNA ALTRA PERSONA: questa regola è il più gran consiglio che vi possiamo dare. Solo con un occhio esterno infatti si  può descrivere con obiettività il proprio percorso, i passaggi e non dare nulla per scontato. Questo perché con gli ‘occhi’ del protagonista si enfatizzano alcuni aspetti magari vissuti con maggiore trasporto e se ne omettono altri che invece, per  chi ci deve conoscere ex novo sono fondamentali. Facciamo anche qui un esempio. Il 70 % circa dei CV che riceviamo hanno delle non conformità di descrizione dei diversi ruoli, ovvero notiamo come esperienza lavorative che hanno coinvolto di più il candidato, ma che magari sono state anche più brevi di altre, vengono descritte già su Curriculum con maggiore enfasi e dettagli. Sarebbe opportuno invece, almeno su Curriculum, rimanere obiettivi e descrivere in modo più o meno dettagliato esperienze più concrete e significative (che hanno avuto anche una maggiore durata) e, in sede di Colloquio, porre l’accento su quelle che ci hanno maggiormente gratificato.

Se avete dubbi che il vostro Curriculum sia abbastanza oggettivo nel descrivere il vostro percorso personale, inviatecelo pure per una valutazione gratuita usando il nostro servizio di Analisi GRATUITA del Curriculum.

Noi vi daremo dei consigli per migliolarlo, se volete potete farlo in autonomia, altrimenti potete affidarvi al nostro servizio di Revisione Curriculum.

 

Perche’ il Curriculum lo legge un Recruiter?

Forse la cosa più complicata da far comprendere ai candidati e, di conseguenza, ai nostri clienti è perché la loro versione del Curriculum scritta in modo ineccepibile a livello tecnico, non viene compresa/apprezzata da chi si occupa di Risorse Umane. Ma soprattutto, perchè è un esperto in Risorse Umane che lo legge per primo e non il responsabile di funzione che sarà il Manager della nuova risorsa che andrà inserita.

Potremmo, facilmente ridurre il tutto alla ormai sempre citata frase ‘ad ognuno il suo mestiere’, ma ormai troppi di voi, sono stanchi di veder scartare il proprio Curriculum da provetto Controller, da un Laureato in Psicologia che si occupa di Risorse Umane o Formazione.

Che ne sapra mai, lui/lei di come si fa a fine mese un reporting periodico o una analisi degli scostamenti?

 

PROSEGUI LA LETTURA »

I Colloqui di lavoro: l’effetto ‘le faremo sapere’

cerca lavoro

Uno dei nostri Servizi di punta, è il nostro Servizio di Tutoring al Colloquio di lavoro. L’elemento ‘killer’ del Servizio è proprio quello di spiegare, finalmente, ai candidati perché a volte supererebbero i Colloqui di Selezione e perché altre volte, verrebbero scartati. Insomma,  il nostro servizio serve proprio a capire perché i Colloqui di lavoro terminano con ‘le faremo sapere’ ed a volte, da lì, seguirà il silenzio del selezionatore, che non darà nemmeno un Feedback  ma lascerà intuire il no finale.

E’ necessario fare alcune premesse, soprattutto prevendendo i commenti sulle nostre pagine Social Linkedin e Facebook, di alcuni utenti.

Le premesse ‘base’ sono le seguenti:

  • Ogni Selezione è un mondo a sé stante e dipende sempre dal contesto aziendale per cui si effettua la Selezione, se il primo Step è seguito da Head Hunter esterni all’azienda, sul quale sarà il Team o il Manager che seguirà la risorsa, ecc. ecc.
  • Non esistono risposte preconfezionate e valide per tutti. Il nostro Servizio infatti mira ad evidenziare gli aspetti positivi/negativi del candidato non per sentito dire ma proprio analizzando le risposte ed il comportamento dello stesso in una simulazione di colloquio
  • Basta dire che tutte le Risorse Umane non capiscono nulla e sono una brutta categoria! Come in tutte le professioni ci sono professionisti e persone che svolgono un mestiere senza passione o competenza alcuna, ed altri invece, che sanno di cosa stanno parlando
  • Non vogliamo dare ‘colpa’ dell’insuccesso di una Selezione solo al candidato, ma lato candidato appunto, il riuscire a ridurre le possibilità di errore durante i colloqui di lavoro, è l’unica arma che ha a disposizione tra le variabili incontrollabili che intervengono nel corso di un colloquio. Non è possibile intervenire sulla parzialità o la professionalità di chi effettua la selezione, sul contesto specifico o sulla inadeguatezza di alcune competenze tecniche o anagrafiche, ma il candidato può solo intervenire sul suo modo di sostenere con successo i colloqui di lavoro
  • La simulazione di colloquio è di natura HR, ovvero si rifà al primo Step di Selezione con le Risorse Umane e non agli step successivi di natura tecnica che ovviamente non sono di nostra pertinenza. Quindi, inutili i commenti del tipo ‘io faccio Controllo di Gestione e voglio fare il CFO, che ne sapete voi Risorse Umane?’ Ricordate che si fanno più Step di Selezione proprio perché la natura degli elementi da analizzare per l’inserimento di una Risorsa sono molteplici lato psicologico-relazionale e lato tecnico. Ad ognuno il suo mestiere! Quindi il primo step (fondamentale per accedere al Secondo) è quello di natura psicologico-generale ed è quello che vi aiuteremo a superare! Lato tecnico sarete voi a dare il meglio quando affronterete Manager e referenti di linea del vostro ambito nella fase successiva

Colloquio di lavoroDetto questo, vi descriviamo come avviene il nostro Tutoring al Colloquio di lavoro, che si concretizza in una Simulazione di colloquio interattivo su Skype usando come ‘base’ un annuncio per una posizione che ci segnalate e per cui presto avrete un colloquio o invierete la vostra candidatura. Nella seconda metà del Tutoring, vi verrà fornito un Feedback personalizzato sull’esito del colloquio, ovvero se sareste passati al secondo Step tecnico con il Referente di linea o no e perché. A cosa serve tutto questo?

Vediamo insieme i vantaggi:

  • Avrete finalmente un feedback completo di come è il vostro andamento e la vostra attitudine a ‘vendere’ la vostra professionalità durante i colloqui di lavoro
  • Individuerete un percorso di carriera chiaro, sottolineando grazie all’aiuto di un nostro Consulente, i punti- chiave che è giusto rimarcare in sede di colloquio e come superare l’empasse di alcune lacune (cambi frequenti, mesi di disoccupazione, mancanza di una laurea o di una qualifica specifica)
  • Analizzerete la vostra personale prossemica che contraddistingue ogni candidato quando effettua una Selezione. Il Tutoring infatti viene erogato tramite skype in videoconferenza, così che l’esperto in Selezione che è davanti a voi può darvi un Feedback anche sul vostro comportamento in ottica di linguaggio del corpo (trasmettete ansia? vi sedete in modo scomposto? vi agitate in affrontando alcuni aspetti?)
  • Riuscirete a motivare candidature che magari sono per posizioni non in linea con il vostro percorso lavorativo attuale ma a cui siete comunque interessati
  • Avrete a vostra disposizione un Selezionatore del Personale per fargli qualunque domanda sul mondo dei colloqui di lavoro o per chiedergli la giusta strategia di risposta ad alcune domande che avete affrontato in colloqui reali ed a cui non avete saputo dare risposta o vi hanno penalizzato

Infine, nell’arco di 24 Ore lavorative, riceverete anche un vademecum con consigli personalizzati e mai standardizzati, di come affrontare i vostri prossimi Colloqui di lavoro.

JoBBee.it è il primo sito italiano a fornisce questo servizio in gran voga all’estero. E tu? Cosa stai aspettando? Chiedici maggiori informazi su info@jobbee.it

Saper cercare lavoro vuol dire trovarlo?

annunci di lavoro

Con la ripresa dei nostri Servizi, ci ritroviamo nuovamente davanti all’annosa questione Dipendenteposta dai nostri utenti, che dopo aver descritto la loro specifica problematica nel cercare lavoro, diventano nostri Clienti affidandosi a noi ed alle nostre risposte, sempre personalizzate e mai standardizzate.Cominciamo a sottolineare una importante differenza linguistica, propria della lingua italiana e non solo legata a JoBBee ed al suo mondo.

Trovare e cercare lavoro sono due concetti differenti. Trovare lavoro è una conseguenza del sapere come cercarlo.

Spieghiamoci meglio.  Se io voglio trovare l’oro o dei diamanti, devo saperne qualcosa su come estrarre sia uno che l’altro. Se vado con un rastrello ed una paletta in una miniera e tiro colpi a casaccio e con strumenti non adatti, posso insistere per giorni, settimane, mesi ma difficilmente troverò quello che sto cercando.

La ricerca di un nuovo lavoro, di un cambio di direzione o di uno scatto di carriera segue la stessa regola. Ed ancor di più dell’esempio precedente, non ci saranno mai degli strumenti standard che mi faranno cercare in modo ottimale lavoro e quindi trovarlo in breve tempo. Avrò bisogno dei ‘guanti’ da lavoro della mia taglia, del piccone lungo il giusto in base alla mia altezza e cose simili. Così nel cercare lavoro, per massimizzare la possibilità di trovarlo avrà bisogno di un Curriculum, una Lettera di Presentazione, un Profilo Linkedin che descriva la mia professionalità, carriera e percoro lavorativo specifico e non quello di un Controller, di un Esperto Marketing o qualunque cosa sia, generico.

annunci di lavoroInoltre seppur avessi gli strumenti giusti ‘cuciti addosso a me’ (un Curriculum ed una Lettera che mi descrivono al meglio e mi ‘procurano’ colloqui a iosa o un Profilo Linkedin a prova di bomba) poco servono se poi non so utilizzarli nel modo opportuno, ovvero non so affrontare un Colloquio, o sfruttare Linkedin al meglio delle sue potenzialità e molto altro.

Se un Recruiter si occupasse per 24 ore delle attività di un Controller, difficilmente avremmo un risultato ottimale. Idem se un Controller facesse il lavoro di un Recruiter. Come diciamo sempre, ad ognuno il suo mestiere.

Inoltre, saper cercare lavoro, non vuol dire riuscire a trovarlo in un istante, azzerando tutte come trovare lavoro su internetle variabili che concorrono nel processo selettivo e che sono avulse dalla volontà del candidato e spesso anche del Recruiter (scelta della linea, incompatibilità oggettiva, chiusura improvvisa del Budget per quella posizione dagli HQ e molto altro). Saper cercare lavoro vuol dire sfruttare al meglio tutto le variabili in mano al candidato per massimizzare la ricerca ed aumentare la probabilità di trovare lavoro. La bacchetta magica, non è in possesso di nessuno, diffidate di chi vi suggerisce il contrario. Semplicemente, tra attuare operazioni passive e ripetitive (come l’invio del solito cv ad annunci triti e ritriti) ed essere attivi ed incisivi nel cercare lavoro noi scegliamo questa seconda opzione. Voi da che parte state?  Se la pensate come noi, scriveteci a info@jobbee.it per una consulenza mirata.

Cambiare lavoro o settore è davvero così difficile?

Come per la maggior parte delle cose nella vita, ogni età ed ogni fase ha i suoi interessi ed i cerca lavorosuoi obiettivi. Capita  a molte persone e, di frequente, di voler cambiare lavoro o settore nel corso della propria carriera.

Ma è davvero così difficile farlo? E soprattutto, come vedono gli Head Hunters questo drastico cambio di rotta?

Ovviamente, non possiamo generalizzare , ma quello che ci aiuta spesso come Consulenti JoBBee nel descrive Curricula contenenti cambi improvvisi di mestiere o settore dei nostri clienti, è rendere una potenziale ‘problematica’ del percorso professionale, un aspetto vincente da sottoporre agli occhi di un Selezionatore.

Come, direte voi? Basta trovare delle analogie/collegamenti tra le due professionalità e motivarle (in Lettera di Presentazione o in sede di Colloquio) in modo pertinente al Selezionatore.

Lettera di PresentazioneFacciamo un esempio.  Un laureato in Scienze Sociali/Psicologiche, interessato per anni alla Formazione Aziendale ed allo sviluppo delle competenze si trova a dover cambiare lavoro. Per circostanze fortuite (che possono essere un licenziamento, una scelta personale o altro) gli offrono un’opportunità nel mondo Sales. Come può motivare questo passaggio? Si sta bruciando la carriera?

Pensateci bene, un Fornitore Aziendale ‘vende’ la propria professionalità, il proprio orientamento psicologico e/o le caratteristiche della propria azienda/prodotto costantemente, ad ogni formazione in aula.

Seppur non vende praticamente, avrà una certa competenza nell’esporre pro e contro di un argomento, riuscendo a convincere/persuadere chi ha difronte.

Quindi, seppur gli ambiti sono differenti, hanno tra loro delle assonanze e come trait d’union l’individuo, che nel caso del nostro esempio, sarà di certo una persona empatica, socievole ed orientata all’obiettivo, quindi valida anche per un percorso nel mondo Sales.

In merito alla facilità o meno di cambiare lavoro, perché negli anni abbiamo perso interesse oppure perché le situazioni contingenti ci trovano costretti a ‘re-inventarci’, dovremmo vivere con maggior serenità questo passaggio e provarci, considerando sempre che, per quanto drastico sia il passaggio, è sempre la persona con caratteristiche proprie che lo sta compiendo e queste vanno valorizzate.

Per far questo, solitamente serve un occhio esterno o avere una grossa capacità di auto – come trovare lavoro su internetanalisi in modo da valutare in modo asettico, quali possono essere gli aspetti personali e professionali necessari sia allo svolgere  il mestiere precedente che quello nuovo che si vuole intraprendere.

Trovare il filo conduttore tra le diverse esperienze intraprese nella propria carriera è fondamentale per valorizzarla, ancor di più se i cambi di settore e/o mestiere sono stati rilevanti.

Per far questo è fondamentale avere una Lettera di Presentazione ben impostata, che motivi il perché dei passaggi che si andranno poi a leggere nel Curriculum allegato. Così come, avere un Profilo Linkedin strutturato su parole – chiave di rilievo sia nel descrivere le mansioni che si sono svolte, che quelle si svolgeranno.

Se non siete in grado di cogliere tali aspetti e valorizzarli nelle vostre candiature, i Consulenti JoBBee sono a vostra disposizione. Scoprite pure i nostri Servizi e/o seguiteci su Linkedin, Facebook o sul nostro Blog.