Ti aiuta a trovare lavoro

Come sostenere un Colloquio di lavoro : “l’effetto zappa sui piedi”

Il Team di JoBBee è sempre contrario ai pre confezionati! A quelle risposte standard che Job interview young woman with business teampossono andar bene per tutti e per nessuno, anche per come sostenere un Colloquio di lavoro.

Quindi, non vi daremo mai le classiche regole/suggerimenti di Coach o HR sul come superare un Colloquio di Lavoro, che vi suggeriscono il vestirsi bene, lo stringere la mano in modo convincente, o norme comuni di comportamento ormai assodate.

L’approccio che vogliamo usare per aiutarvi ad affrontare un Colloquio di lavoro in modo produttivo e soddisfacente è quello incentrato su voi stessi e non su fattori superficiali, di contesto o legati al Selezionatore che avete di fronte.

Vogliamo descrivervi oggi quello che in gergo tecnico si chiama ‘effetto zappa sui piedi’ ovvero quelle frasi boomerang che a volte i candidati lanciano verso il Selezionatore e che poi inevitabilmente, non solo tornano indietro, ma si ritorcono contro.

Questo effetto è molto comune e va dominato in ogni Colloquio di lavoro che si affronta, ma anche quando si affronta il proprio Manager  o un interlocutore che in qualche modo ci deve valutare.

Andiamo a desciverlo in dettaglio. Quando abbiamo una lacuna sul nostro profilo professionale (che sia un periodo ‘vuoto’ abbastanza lungo tra un ruolo ed un altro, oppure un cambio repentino dopo alcuni mesi di una esperienza conclusasi non molto bene, oppure dei cambi frequenti di azienda in pochi anni) ecco che inevitabilmente, il candidato tira fuori l’argomento oppure fa ‘insospettire’ il Selezionatore su delle aree poco chiare del Curriculum.

Come sostenere i colloqui di lavoroFacciamo un esempio pratico. Spesso durante i nostri anni da Head Hunter/Selezionatori ci siamo imbattuti in casi in cui il candidato con un Curriculum ‘nella norma’ per tempi e modalità descritti (altrimenti non sarebbe stato con noi in Colloquio) nel suo discorso riguardante la sua carriera affermava frasi del tipo:

‘ ecco, poi quel vuoto che vede nel Curriculum non è dovuto alla mia volontà….’

‘se si sta chiedendo perché 3 aziende in 2 anni, sappia che… ‘

‘con la penultima azienda, grazie a Dio, è finita abbastanza velocemente…’

E potremmo andare avanti all’infinito con esempi del genere. Ecco! Questi sono tutti esempi dell’effetto ‘zappa sui piedi’ durante un Colloquio di lavoro.

Partiamo con alcuni presupposti, su cui dovete riflettere molto bene prima di affrontare il prossimo colloquio:

  • Se siete davanti al Selezionatore per un Colloquio di Lavoro, vuol dire che ha valutato il vostro Curriculum sufficiente, tanto da impiegare almeno 30 minuti del suo tempo ad ascoltarvi. Non dategli elementi per cambiare idea.
  • Tutto quello che avrete inserito nella Lettera di Presentazione e/o nel Curriculum Errori colloquio di lavoroè stato valutato e tutto quello che è dubbio vi sarà chiesto direttamente, non suggeritelo, perché magari il selezionatore a quel punto approfondirà aspetti che invece nel complesso aveva ritenuto poco rilevanti al fine di una valutazione complessiva su di voi.
  • Certe lacune o nei del proprio percorso professionale, possono essere ‘prevenuti’ e motivati serenamente avendo una Lettera di presentazione ben studiata. In questo modo, non solo il Selezionatore che leggerà la vostra candidatura ha già analizzato prima del Colloquio il perché di quegli anni di ‘buco’ nel CV prima di chiamarvi a Colloquio. Ma voi, non vivrete con ansia il momento del Colloquio attendendo il temuto ‘vuoto’ del Curriculum su cui dovrete avere una risposta brillante in pochi secondi. A quel punto, basterà semplicemente motivare quell’aspetto, a richiesta del Selezionatore, nello stesso modo in cui l’avete motivata nella Lettera di Presentazione.

Ricordate sempre che l’andamento di un Colloquio di Lavoro, dipende sempre al 50% dal candidato ed al 50% dal Selezionatore. Anche voi, potete e dovete decidere che strada far intraprendere dal Selezionatore in base alle vostre risposte.

Avete qualche dubbio su come afforntare in sede di Colloquio di lavoro un aspetto ostico del vostro percorso professionale? Vivete con ansia il momento di gestione del Colloquio? Il nostro Servizio di Tutoring al Colloquio di lavoro è il Servizio perfetto per le vostre esigenze. Scopritelo sul nostro sito.

Similar posts
  • Linkedin, Curriculum, Lettera di Pres... Nel corso dei nostri 3 anni di lavoro con Clienti di diverse estrazioni e con anni di professionalità alle spalle, ci imbattiamo quasi sempre nella stessa problematica: scambiare Linkedin, Curriculum e Lettera di presentazione per lo stesso documento con le stesse finalità di candidatura, semplicemente, su supporti diversi. Nulla di più sbagliato! Se esistono 3 [...]
  • I Colloqui di lavoro: l’effetto ‘le f... Uno dei nostri Servizi di punta, è il nostro Servizio di Tutoring al Colloquio di lavoro. L’elemento ‘killer’ del Servizio è proprio quello di spiegare, finalmente, ai candidati perché a volte supererebbero i Colloqui di Selezione e perché altre volte, verrebbero scartati. Insomma,  il nostro servizio serve proprio a capire perché i Colloqui di lavoro [...]
  • Saper cercare lavoro vuol dire trovar... Con la ripresa dei nostri Servizi, ci ritroviamo nuovamente davanti all’annosa questione posta dai nostri utenti, che dopo aver descritto la loro specifica problematica nel cercare lavoro, diventano nostri Clienti affidandosi a noi ed alle nostre risposte, sempre personalizzate e mai standardizzate.Cominciamo a sottolineare una importante differenza linguistica, propria della lingua italiana e non solo [...]
  • Cambiare lavoro o settore è davvero c... Come per la maggior parte delle cose nella vita, ogni età ed ogni fase ha i suoi interessi ed i suoi obiettivi. Capita  a molte persone e, di frequente, di voler cambiare lavoro o settore nel corso della propria carriera. Ma è davvero così difficile farlo? E soprattutto, come vedono gli Head Hunters questo drastico [...]
  • ‘Ho cambiato spesso lavoro. Ed ora?’ ‘Ho cambiato spesso lavoro ’ è sicuramente uno dei Trend più ricercati su Google e, di riflesso sul nostro sito. Abbiamo già affrontato questo tema ma con un approccio più legato a come rispondere in sede di Colloquio a questa domanda. Oggi invece, cerchiamo di capire come riorganizzare il Curriculum, il profilo Linkedin e di [...]