Ti aiuta a trovare lavoro

Ma il Curriculum è meglio scriverlo in inglese o in italiano?

Tutti i candidati italiani si sono chiesti almeno una volta nella vita se è meglio avere un Curriculum CV in inglese o in italiano?in inglese o in italiano.

Le teorie e le scuole di pensiero sono molteplici! La risposta più comune ed anche più sensata è DIPENDE. Infatti come in molte cose nella vita, anche nella ricerca di un lavoro e nel invio di candidature è fondamentale riflettere mettendosi nei panni dei selezionatori che riceveranno il vostro curriculum.

É fondamentale però essere coerenti, infatti non serve a nulla avere un curriculum scritto in perfetto inglese se poi in sede di colloquio non sappiamo spiccicare parola anche nel descrivere la nostra ultima vacanza estiva, allora è di gran lunga meglio lasciate il curriculum vitae in italiano. Infatti non ha senso che il nostro curriculum passi la prima fase di screening se poi non appena veniamo invitati a colloquio non siamo all’altezza ‘dell’inglese fluente’ indicato.

CV in inglese o in italiano?Altro aspetto fondamentale (che ahinoi è una realtà molto radicata): non tutti gli HR hanno una conscenza approfondita della lingua inglese, anche in grandi multinazionali. Sembra assurdo ma è così! In molte agenzie interinali, ma anche di Head Hunting che seguono selezioni per importanti multinazionali non conoscendo approfonditamente la lingua inglese ‘scartano’ i curriculum in lingua preferendo più ‘comodi’ Curriculum in italiano, considerando sempre che ne ricevono a centinaia al giorno e quindi avendo ampia scelta.

Che poi… diciamoci la verità, dovremmo smetterla di fare i cosmopoliti! I candidati sono italiani, i selezionatori sono italiani? Perchè prendersi in giro con una candidatura in una lingua diversa per entrambi!?

Considerate anche che negli annunci, CV in inglese o in italiano?che si tratti di agenzie interinali, di head hunting o direttamente aziende viene specificato se la candidatura è da preferire in inglese o in italiano. Se non  specificato, preferite sempre la versione italiana, perchè qualora ci fosse necessità di avere il vostro curriculum in lingua per inoltrarlo ad un HQ straniero, vi verrà richiesto dal selezionatore.

Ricapitolando queste sono le domande che dovete porvi prima di inviare un curriculum in inglese o meno:

  • Nell’annuncio è specificata la lingua in cui inoltrare la candidatura?
  • Il mio curriculum in inglese rispecchia la mia reale conoscenza della lingua?
  • La selezione è interna alla multinazionali per cui mi sto candidando o viene effettuata da una agenzia di recruitment esterna?

Siate sempre critici nell’inoltro del vostro curriculum ricordando che il Team di JoBBee.it è a vostra disposizione sia per una analisi gratuita del vostro cv (in inglese ed in Italiano) che per una revisione integrale non solo del curriculum ma anche della vostra lettera di presentazione.

 

 

Similar posts
  • Saper cercare lavoro vuol dire trovar... Con la ripresa dei nostri Servizi, ci ritroviamo nuovamente davanti all’annosa questione posta dai nostri utenti, che dopo aver descritto la loro specifica problematica nel cercare lavoro, diventano nostri Clienti affidandosi a noi ed alle nostre risposte, sempre personalizzate e mai standardizzate.Cominciamo a sottolineare una importante differenza linguistica, propria della lingua italiana e non solo [...]
  • ‘Ho cambiato spesso lavoro. Ed ora?’ ‘Ho cambiato spesso lavoro ’ è sicuramente uno dei Trend più ricercati su Google e, di riflesso sul nostro sito. Abbiamo già affrontato questo tema ma con un approccio più legato a come rispondere in sede di Colloquio a questa domanda. Oggi invece, cerchiamo di capire come riorganizzare il Curriculum, il profilo Linkedin e di [...]
  • Dipendente o Libero Professionista? A... Il dilemma Dipendente o Libero Professionista  ha sfiorato sempre, almeno una volta nella carriera, ogni lavoratore. Certamente, negli ultimi anni la precarietà del mondo del lavoro ed il dover abbandonare l’idea del posto fisso così come l’hanno conosciuto i nostri genitori, ha incrementato la scelta dell’opzione Libero Professionista, o come i più moderni JoB Title [...]
  • L’ansia da prestazione del Candidato:... Ogni giorno i Consulenti JoBBee si imbattono nel Candidato che vive un costante stato di ansia: cosa pensa un Selezionatore di me se dico/faccio questo su Linkedin o sul Curriculum ?! Che sia quello che c’è scritto sul Profilo Linkedin o sul Curriculum o che sia in sede di Colloquio, quello che riscontriamo è che i candidati [...]
  • Risorse Umane che ‘rovinano’ la categ... Ormai sta dilagando lo stereotipo dei Recruiter che non capiscono nulla di ‘enormi talenti’ che gli passano per mano tramite CV oppure in Colloquio e candidati tutti validi ed eccezionali che non vengono compresi. Lato Risorse Umane  si sta instaurando invece lo stereotipo opposto candidati non validi ed arroganti, che si presentano davanti al Recruiter che [...]

2 commenti

  1. Chiara
    18 febbraio 2016    

    Verissimo: sempre meglio cercare di capire bene chi sarà a leggere il nostro CV prima di deciderne la lingua. Ottimo articolo! Se però poi si decide che la scelta migliore sia davvero l’inglese, allora io ho troavto anche questo articolo davvero molto utile: http://worldbridge.it/blog/corsi-di-lingua-inglese/cv-in-inglese-esempi-e-modelli Spero aiuti anche voi!

    • Il Team di JoBBee.it
      18 febbraio 2016    

      Grazie Chiara, continua a seguire il nostro Blog!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *