Profilo Linkedin di successo

Cercare lavoro da quando esiste Linkedin

Fino a qualche anno fa, non tantissimi in realtà, cercare lavoro senza Linkedin era tuttaProfilo Linkedin un’altra storia. Curriculum che ancora si portava a mano, per i più nostalgici, autocandidature online all’indirizzo di posta elettronica generico dell’azienda che ci intressava, le sempre in voga conoscenze, e la sempreverde risposta agli annunci su siti come InfoJobs, Monster, Indeed, e molti altri più o meno qualificati.

Pian piano, da almeno 5 anni a questa parte, e parliamo del mercato italiano e per i ‘non addetti ai lavori’ come Recruiters e HR, si è fatto largo questo nuovo Social che un po’ trascinato da Facebook ha completamente modificato il modo di cercare lavoro e di selezionare i candidati.

foto curriculumChi è alle prese con il lavoro estenuante di cercare lavoro non può prescindere da avere un Profilo Linkedin ben scritto e settato in modo funzionale per essere ricercato dai Recuiters e per trovare lavoro. Ormai, con importanza paritaria ad avere un Curriculum ed una Lettera di Presentazione professionale e di impatto, il profilo Linkedin è condicio sine qua non per trovare lavoro. Soprattuto quando si ‘mira’ a realtà multinazionali e di rilievo, le ‘regole del gioco’ di chi cerca lavoro e chi in azienda cerca il candidato perfetto sono cambiate.

Ecco le 5 differenze che l’avvento di Linkedin ha apportato nella dicotomia di chi cerca e chi offre lavoro:

  • Ricerca attiva dei candidati: il mondo del Recruiting è stato rivoluzionato! Anni e Profilo Linkedinanni di Database di candidati incontrati, archivi cartacei con cenni brevi su ogni Curriculum affinchè il selezionatore ricordasse la ‘faccia’ di quel candidato a colloquio, sono stati spazzati via da una barra di ricerca intuitiva e semplicissima dell’intero mondo dei Candidati a livello globale. Ormai i Recruiters, inserendo parole-chiave ed altri criteri di ricerca hanno una rosa di candidati ideali in quache click. Per questo è fondamentale avere un Profilo Linkedin ‘a prova di Recuiter’ e  degli algoritmi di Linkedin!Per questo nasce il nostro Corso Linkedin che vi aiuta a capire come muovermi in modo proficuo sul Social.
  • Modifiche su come scrivere il proprio Curriculum ‘cartaceo’: il profilo Linkedin non sostituisce, (ancora), in classico Curriculum ma sicuramente lo ha influenzato parecchio. Infatti, un Curriculum con una formattazione revisionata e ben scritto riporta ormai l’url personalizzato del proprio profilo Linkedin, non riporta la foto perché si rimanda a quella profilo di Linkedin e rimanda allo stesso per documenti/progetti/video sulla propria carriera e professione
  • Contatto Diretto con i corretti referenti per la Selezione: il ‘gioco’ cambia anche Linkedinper chi cerca lavoro e ha capito l’importanza di questo Social Network professionale. Finalmente il candidato è diventato attivo nella ricerca, non rispondendo meramente ad un annuncio, ma contattando direttamente l’HR dell’azienda in cui vorrebbe lavorare, o tutti gli Head Hunters che seguono profili come il suo, dando nome e cognome al corretto interlocutore
  • Farsi notare in modo intelligente: Linkedin non sarebbe rivoluzionario se poi tutto si fermasse ad una nuova piattaforma dove rispondere ad annunci o a contattare i nomi “giusti”, ma ha fatto molto di più. L’invenzione di Tab di ricerca come i Gruppi di Discussione o le Aziende ha dato la possibilità ai candiati di conforntarsi su temi propri della loro professione, strategie di ricerca del lavoro, discussione su temi di politica ed attualità. Anche l’utilizzo corretto della ricerca per aziende, comporta un grosso vantaggio che permette ai candidati/utenti di mappare diverse realtà di suo interesse, fino a quel momento sconosciuto. Ovviamente, questo strumento è utile nel momento in cui si usa il tutto con intelligenza: gli utenti che passano ore a screditare le aziende per cui lavorano, o far polemiche sterili su discussioni che non gli competono, perdono una grossa occasione per tacere che lascia il segno.
  • Ampliare le proprie prospettive lavorative: Linkedin è una comoda finestra sul Web Reputation lavoromondo del lavoro che consente di essere informati su cambi di direzione di quest’ultimo, nuove attività trasversali di una professione ed attività parallele che potrebbero far aguzzare l’ingegno di chi cerca sempre la stessa professione e non vede prospettive complementari che potrebbero essere un intelligente sbocco della propria carriera

Se non vuoi rimanere indietro in questa rivoluzione ed essere pronto, usa il nostro Servizio di Revisione del Profilo Linkedin a soli 29 Euro che ti permetterà di avere un Profilo a prova di Recruiter e delle parole-chiave più ricercate per il tuo ruolo professionale. Inoltre, da qualche giorno è disponibile su JoBBee.it il nuovo corso interattivo per il corretto uso di Linkedin come strumento per trovare lavoro!

Condividi su:
cerca lavoro

Come vede un Selezionatore del personale chi cerca lavoro?

Ci sono mestieri che portano con sé un alone di mistero. Sarà il non comprendere a pienocerca lavorole competenze necessarie o di cosa si occupa una persona che fa un dato lavoro, oppure che alcune professioni più ‘umanistiche’ e meno tangibili portano a molta gente a dubitare che sia possibile avere una connotazione concreta e risultati misurabili, ma troppo spesso questi mestieri vengono ingiustamente denigrati. Ahinoi, questo è il destino di Psicologi (del lavoro e non), dei Recruiters e peggio che mai degli Head Hunters.

E’ vero. Il mondo è bello perché è vario e capiamo a pieno che chi si occupa di dati in Excel, vendite o implementazioni informatiche non possa immaginare che l’uso di parole scritte, come il sunto delle proprie competenze su un Curriculum possa fare la differenza quando un Recruiter sceglie o meno un candidato per un colloquio di lavoro. Chi cerca lavoro ha un rapporto di amore ed odio per i Selezionatori del personale. Ci sono i candidati che hanno una forma di venerazione, e cercano in tutti i modi di attirare la loro attenzione. Chi invece, purtroppo per la nostra categoria la maggior parte, ci ritengono spietati palloni gonfiati che con maleducazione e senza criterio decidono le sorti del loro curriculum e della loro professione.

Colloquio di lavoroNon siamo qui per prendere le difese di una o dell’altra categoria, il progetto JoBBee.it è nato da Selezionatori del Personale che avevano una visione diversa del mondo del Recruiting e di chi cerca lavoro. Persone che hanno preferito passare al fianco del candidato piuttosto che giudicarlo, e che vuole ridare dignità ad una professione, quella del Recruiter troppo spesso catalogata come ‘mistica’ poco concreta o solo per persone arroganti. Purtroppo, come in tutte le professioni, c’è chi fa questo mestiere con passione e rispetto per chi cerca lavoro e chi no, quindi capiamo le ‘disavventure’ e le perplessita per chi non capisce come mai il proprio Curriculum viene scartato senza una risposta o dopo un Colloquio di Lavoro non viene ricontattato. Ma è giusto far capire il mestiere di un Selezionatore del personale, quali sono o quali dovrebbero essere le sue competenze, anche per eliminare quell’ombra intorno a sé di mistico più che di professionista.

Un selezionatore del personale si occupa e quindi opera secondo questi criteri:

  • Valutare le persone: se questo mestiere esiste ed è un ruolo universalmentecerca lavoro riconosciuto in ogni multinazionale o relatà aziendale che si rispetti vuol dire che chi può decidere le sorti di un Candidato è fondamentale in ogni organizzazione. Sicuramente questa attività deve, come tutte, essere svolta con professionalità ed umiltà e chi lo fa per mestiere non decide (o non dovrebbe) chi selezionare o meno per gusti personali, ma ancorando le sue valutazioni su teorie concrete
  • Valutare la posizione aperta per l’azienda per cui lavora: molte volte chi cerca lavoro pensa di essere stato scartato perché il Recruiter non capisce nulla (i più pieni di sé) o perché non si era abbastanza (i più insicuri). Lasciando questa visione egogentrica del tutto, spesso un Recruiter non vi ricontattata o vi assume semplicemente perché non siete la persona giusta per quella posizione, nulla di personale.
  • Capire in breve tempo quale Curriculum merita un approfondimento e quale no: ogni Recruiter, e non è uno scherzo, tra contatti Linkedin, autocandidature, Curriculum pervenuti a seguito di pubblicazione di un annuncio e ‘caccia diretta’ legge al giorno dai 100 ai 120 CV. Capite bene, che è addestrato per idividuare in qualche secondo solo quello che gli interessa di un documento. Per questo è fondamentale avere un Curriculum efficace e Revisionato in base a criteri che solo un Recruiter può conoscere (per questo esiste JoBBee.it)
  • Matchare ruolo da ricoprire, personalità e competenze del candiato: trovare lavoroChi cerca lavoro pensa spesso che l’essere assunto o meno dipenda solo dal suo Curriculum revisionatohttp://jobbee.it/analisicv/ e ben scritto o dalla sua performance in sede di colloquio. Ma il Recruiter ha in testa non solo questi aspetti quando chiude la posizione o vi incontra in colloquio, ma anche il ruolo che andrete a ricoprire, la RAL che potrebbe avere a disposizione, il Team in cui andreste inseriti e tante altre variabili e, credeteci ,far quadrare il tutto prendendosi la responsabilità di tale scelta non è facile.

Collocare la persona giusta nel posto giusto, non è magia e ne stregoneria è un mestiere. E per capire i criteri che usano ‘gli addetti ai lavori’ delle Risorse umane per selezionarvi e quindi riuscire a parlare la stessa lingua per aumentare la possibilità di una valutazione positiva esistono i Servizi JoBBee a partire dall’Analisi del vostro Curriculum, fino alla Revisione del Curriculum e della Lettera di presentazione e per finire con un Tutoring/Simulazione personalizzata al Colloquio di lavoro.

Condividi su:

“Ho un Curriculum completo”: 8 pagine e non sentirle!

Ormai pensiamo si possa parlare di un crociata vera e propria. La lotta per farErrori Curriculum comprendere ai candidati che un Curriculum lunghissimo, ha una speranza quasi nulla di essere letto è paragonabile solo alla “lotta” nei confronti della formattazione Europea, che in realtà vanno di pari passo.

Ogni giorno il Team di JoBBee.it riceve dalle 30 alle 50 richieste di Analisi Gratuita del Curriculum da parte degli utenti della rete e solo il 10% ha la lunghezza corretta, ovvero: una pagina!

La media è di 3 pagine con punte di Curriculum redatti in 12 pagine. Siamo abbastanza confidenti nel ritenere che il nostro Team è l’unico a leggere integralmente le vostre Errori Curriculumcandidature così prolisse impiegandoci molto tempo (dai 20 ai 50 minuti), per cogliere le sfumature prima di inviarvi la valutazione su Curriculum e Lettera di Presentazione. Ancora di più, ci dedichiamo ad approfondire il Curriculum al momento della Revisione Integrale dove effettuiamo una vera azione di ‘traduzione’ del vostro Curriculum da un documento prolisso e poco impattante a un elaborato conciso, snello e lineare che racchiude le informazioni importanti in un’unica pagina.

Uno degli aspetti che più fanno ‘infuriare’ i candidati è l’assenza di riscontro a seguito dell’invio della propria candidatura, ma purtroppo molto spesso gli HR o gli Head Hunters preferiscono leggere un Curriculum breve e conciso, nel poco tempo che hanno di Screening per vagliare decine di candidature, piuttosto che ‘perdere’ 45 minuti nella lettura di un CV di 12 pagine, che è più una strascrizione di un colloquio di lavoro che un Curriculum e che non ‘tocca’ le informazione che lui avrebbe voluto trovare.

Un Curriculum Completo deve avere al suo interno solo informazioni rilevanti senza contorno :analisi curriculum gratuita

  • Anagrafica
  • Esperienze Lavorative e Competenze
  • Risultati
  • Conoscenze Informatiche e Linguistiche

Tutto il restò che spazia dalle più fantasiose competenze artistiche ai più concreti obiettivi di carriera devono trovare la propria collocazione in una Lettera di Presentazione, anch’essa concisa che non supera la mezza pagina e che intorduce ed anticipa il Curriculum.

curriculumSe tale aspetto della Lunghezza del Curriculum è comprensibile nel caso di Neolaureati, che comunque riescono a dilungarsi in pagine e pagine di ‘lavoretti’ durante i corsi di studio, spesso si dubita che l’esperienza di un Dirigente con oltre 30 anni di carriera alle spalle e frequenti cambi lavorativi, possa rientrare in uno spazio tanto limitato. E’ questo infatti lo sforzo principale che fa un Team come il nostro ed uno dei motivi principali per cui procedere con un Servizio di Revisione del Proprio Curriculum professionale e ben fatto. Un CV Writer del nostro Team impiega dalle 3 alle 7 ore, in base alla complessità del documento per effettuare  un lavoro di fino di rielaborazione di Curricula complessi in un’unica pagina che racchiuda tutte le informazioni rilevanti per far capire a chi legge per la prima volta il Curriculum, le potenzialità del Candidato e perché scegliere lui e non un altro.

Infine, è giusto menzionare anche la necessità di avere un Curriculum a prova di Software di Recruiting i quali vengono settati, per eliminare tutti i documenti che superano la pagina.

Ed il vostro Curriculum? Passerebbe tale selezione sul criterio di Lunghezza? Aspettiamo il vostro Curriculum per un’analisi GRATUITA della sua efficacia complessiva.

Condividi su:

I Selezionatori ed il loro NO!Ecco perché chi cerca lavoro non viene ricontattato

Inutile girarci intorno, chi cerca lavoro proprio non manda giù, ed anche giustamente, la cerca lavoro mancata risposta a seguito dell’invio della propria candidatura o l’assenza di motivazioni a quel ‘NO’ .

La ‘risposta politica’ che tutti i selezionatori danno e che, in realtà, non è nemmeno una bugia è l’assenza di tempo necessario per rispondere a decine di candidature scartate ogni giorno. Se questo può essere vero per il primo inoltro di una candidatura come risposta ad un annuncio o ad un’autocandidatura, poco regge la scusa di noi HR nel momento in cui la selezione è andata più avanti, c’è stato un primo colloquio (telefonico o vis a vis) e quindi la numerica dei candidati si è molto ridotta.

E’ politica del nostro Team essere onesti e ‘svelarvi’ il perché spesso non ricevete motivazione all’essere scartati o comunque una risposta al ‘NO’ alla vostra candidatura.

I Recruiters non ricontattano chi cerca lavoro per 5 Motivi:

  1. Evitare di entrare in polemica: purtroppo non tutti i candidati che cercano lavoro sono dotati di sana autocritica. Spesso anche il segnalare le ‘pecche’ di un Curriculum o di un Colloquio, mettono il selezionatore nella condizione di dover discutere in infinite Emails il perché della sua scelta e della sua valutazione negativa in modo non costruttivo da parte del candidato e quindi lascia perdere in partenza.
  2. Eravate utili ma non idonei : soprattutto per gli Head Hunters questa è una cerca lavoro delle motivazioni principali. Infatti un Head Hunter deve presentare una rosa di 3-5 candidati per contratto al proprio Cliente. Per ‘far numero’ spesso vengono inseriti nella rosa finale dei candidati un paio di profili in linea e che lo convincono, insieme ad un altro paio di candiature poco in linea che sa in partenza non piaceranno in colloquio, ma che a lui servono. Triste ma vero.
  3. Non lo avete colpito e non si ricorda di voi: Difficile ammetterlo soprattutto per chi è molto confident in sé stesso e nel proprio ruolo, ma spesso molti candidati per i Recruiters sono ‘neutri’. Incontrandone decine a settimana, ci sta che se non lo avete colpito (in positivo o in negativo) semplicemente siete passati inosservati. Per questo è fondamentale farvi notare già alla prima lettura del vostro Curriculum e/o Lettera di Presentazione o del vostro profilo Linkedin.
  4. Non è nel suo stile: a volte, chi cerca lavoro se lo dimentica ma anche i cerca lavoro Selezionatori del personale sono Umani. Non tutti fanno questo lavoro con passione, non tutti sono educati alla risposta ogni volta che si entra in contatto con un altro essere umano, oppure limitano i contatti non proficui ai propri fini o scopi.  E per questo fatevene una ragione.
  5. Non è lungimirante : solo i Recruiters con una certa esperienza sanno che è sempre meglio mantenere buoni rapporti con i candidati, in quanto chi non è in linea per una posizione in quel momento, non è detto che non lo sia per un’altra un po’ più avanti.

cerca lavoro Quindi, alla luce di questi motivi chi cerca lavoro dovrebbe, quanto più possibile, cercare sin dall’invio della propria candiatura (Curriculum e Lettera di Presentazione) di colpire il selezionatore, rimanendogli impresso per fargli capire che non è un candidato come tutti gli altri. Ovviamente le premesse di un ottimo Curriculum, Lettera di Presentazione o profilo Linkedin devono essere mantenute in sede di Colloquio. Per redigere un Curriculum come lo vorrebbe leggere un Selezionatore e sostenere un Colloquio in maniera professionale, il nostro team ha pensato a due servizi dedicati da scoprire nella nostra Area Servizi!

Intanto, mettetevi alla prova usando il nostro SERVIZIO DI ANALISI GRATUITO del Curriculum e/o Lettera di presentazione.

Condividi su: